Pubblicato il 3 commenti

Ansia da prestazione

L’ansia è una componente che purtroppo/per fortuna fa parte della nostra vita, e se in alcune situazioni ci può paralizzare in altre è molto positivo il fatto che sia presente.

Per un personal trainer, un allenatore o uno sportivo è fondamentale conoscerla in maniera da saperla gestire al meglio.

Questo è un argomento inoltre molto vasto e difficile da trattare, proverò a darvi alcuni spunti di riflessione, buona lettura!

 

Definizione di ansia

L’ansia è uno stato caratterizzato da Finchè-cè-vita-cè-ansia (1)una sensazione di Paura non connessa ad alcuno stimolo specifico. Si distingue dalla paura vera e propria per il fatto di essere aspecifica, vaga o derivata da un conflitto interiore. I segni somatici sono un’iperattività del sistema nervoso autonomo

L’ansia è una complessa combinazione di emozioni negative che includono apprensione e preoccupazione, ed è spesso accompagnata da sensazioni fisiche.

 

Ansia e sfide della vita

L’ansia è un sentimento ricorrente che viene a manifestarsi in vari momenti della vita e non si presenta in maniera uguale da persona a persona ma è molto soggettiva in base alla situazione, alcune situazioni che possono portare ad ansia sono la nascita di un figlio, la competizione, l’intimità sessuale, lo stress pre-esami, la disoccupazione.

Patologie

L’ansia può degenerare creando problemi fisici alla persona, come attacchi ossessivi compulsivi per donare sicurezza, tachicardia, asma, attacchi di panico o depressione.

ansia-charlie-brown

Sindromi specifiche da sport

Nikefobia :

dal greco nike, vittoria; è la cosiddetta paura di perdere, o, in alcuni casi, di vincere, di andare oltre i propri limiti; molti sono gli sportivi che ne soffrono e che ne hanno sofferto: da Federica  Pellegrini a Flavia Pennetta, passando anche per Casey Stoner.

Sindrome del campione:

raffigura la paura dell’insuccesso, colpisce atleti che si sentono “costretti” a vincere sempre; caratterizzata da comportamenti devianti, egocentrismo, eccessiva ricerca di lodi e rassicurazioni, doping, atteggiamenti paranoici, senso grandioso di importanza ( tutto gli è dovuto ), bassa tolleranza alle frustrazioni.

Ansia preagonistica:

sintomi di ansia che colpiscono lo sportivo nell’immediato pre-gara, precludendo la sua concentrazione e creando uno ostacolo alla prestazione ottimale e alla vittoria.

Depressione da successo :

depressione scaturita in seguito ad eventi positivi.

Burn out sportivo:

nel gergo sportivo indica quando un atleta dopo anni di successi si brucia, si esaurisce, non ha più nulla da dare a livello agonistico

Doping:

ricerca di aiuti esterni da parte dello sportivo per aumentare la propria prestazione.

 

Sindromi aspecifiche da sport

Disturbi dell’umore:

è una  vasta classe di patologie e sintomi che consistono in alterazioni o anomalie del tono dell’umore dell’individuo.

Disturbi d’ansia:

è caratterizzato da una ansia durevole che non è concentrata su un particolare oggetto o situazione. In altre parole è aspecifica o fluttuante. Le persone che hanno questo disturbo si sentono di temere qualcosa ma sono incapaci di esprimere specificatamente di che paura si tratti.

Disturbi

Alimentari:     tutte quelle problematiche, di pertinenza principalmente psichiatrica, che concernono il rapporto tra gli individui e il cibo, dall’anoressia alla bulimia all’obesità.

Disturbi della personalità:

tratti di personalità  disadattivi in modo pervasivo, inflessibile e permanente, e causano una condizione di disagio soggettivo clinicamente significativa.

 

Ansia buona e ansia cattiva

 

jjj

Il modello della “U”rovesciata (Yerkes & Dodson, 1908)

jj

Modelli di Martens (zona di “Energia Ottimale”, 1987) e a quello di Hanin (IZOF zona di Funzionamento Ottimale Individuale”,1989)

Da questi modelli, dove abbiamo in ascissa e ordinata lo stato di attivazione ( ansia ) e la performance sportiva, possiamo denotare come minimi livelli di attivazione portano a prestazioni sportive di poca qualità, stesso risultato se abbiamo un eccessivo stato d’ansia; si legge quindi come la gara ottimale, l’ottima prestazione sia compresa nella “ZONA DI ENERGIA OTTIMALE”, dove l’atleta possiede uno stato ansiogeno medio-alto ma non eccessivamente elevato riuscendo così a controllarlo a suo favore; prima di questa zona l’atleta sviluppa poca motivazione, poco interesse alla prestazione, probabilmente a causa dell’elevata facilità, mentre se oltrepassiamo questa porzione l’ansia può degenerare in paura o nelle patologie viste precedentemente.

Pensiero positivo e preparazione mentale

Solo ascoltando il proprio corpo, allenandolo insieme alla mente e utilizzando un atteggiamento positivo si possono raggiungere traguardi difficili ed ardui.

Training propiocettivo

E’ un allenamento votato al rilassamento tramite auto-ispezione e auto-percezione, l’individuo impara a sentire il proprio corpo in modo da acquisire più controllo nei movimenti. Si vanno ad effettuare tecniche respiratorie utilizzando il diaframma in modo da diminuire la frequenza cardiaca, si utilizzano metafore di pesantezza e di calore, si immaginano le situazioni corporee in relazione a determinati movimenti; migliora la concentrazione. Ottimo per la gestione dell’ansia e del pre-gara.

Tipi di rilassamento

Training Autogeno di Schultz

Rilassamento progressivo di Jacobson

Tecniche Yoga e Zen

 

Matteo Chirico

Se ti è piaciuto questo articolo, prova a guardare anche: la teoria degli alibi

Se stai cercando un personal trainer a Como o zone limitrofe guarda qui

Se invece vuoi avere informazioni per poter essere seguito online vai su questa pagina

3 pensieri su “Ansia da prestazione

  1. Un profondo grazie di cuore a Matteo Chirico per aver toccato ed approfondito le tematiche riguardanti all’ansia, che coinvolgono come giustamente da lui osservato, varie tipologie di persone, non solo in ambito sportivo, ma in situazioni molto soggettive, dovute spesso a problematiche date da esperienze di vita individuali.
    In primis mi ritengo toccato profondamente dall’argomento poichè ho un vissuto di situazioni familiari che mi hanno portato ad uno stato depressivo ed ansioso profondo, dovuto proprio a situazioni che hanno passato il limite che la mia mente poteva contenere, confermando in pieno ciò che ha scritto il nostro grande Matteo, sul fattore che posso confermare del limite che, oltre la mente, si manifesta anche nel corpo, creando disarmonia a livello energetico con i risultati di sofferenze a vari livelli del corpo, come nel mio caso degenerati in fibromialgia cronica e tachicardia pesante. Confermo inoltre che le tecniche di meditazione basate sulla respirazione diaframmatica, danno un buon aiuto, personalmente ho utilizzato le tecniche del Krya Yoga (meditazione trascendentale), anche se nel mio caso non risolvono purtroppo le sofferenze fisiche del mio apparato muscolo-scheletrico legato alla fibromialgia, con contratture dolorose croniche; ma sottolineo che è un fattore puramente soggettivo e che i limiti variano da persona a persona. Questo articolo mi ha dato comunque modo di riflessione e ancora una volta, posso solo ringraziare Matteo Chirico con tutto il cuore, poichè in ogni sua azione, articolo ed attività, tende sempre a dare il meglio per aiutare le persone a raggiungere nel miglior modo possibile i propri obiettivi, cercando di migliorarsi a livello sportivo ed anche a livello personale interiore.
    Con grande stima e profonda amicizia e rispetto,
    Ricky.

    1. L’ansia è qualcosa di terribilmente utile quanto terribilmente pericolosa, il trucco è riuscire a gestirla portandola a nostro favore. Percorso quotidiano e costante, sicuramente non semplice e non privo di insidie. Ma è la chiave di volta per una vota serena a prescindere dai problemi.
      Grande Ricky

      1. In effetti lotto ogni giorno, a volte l’ansia riesce a sopraffarmi, ma la meditazione mi è stata utile per raggiungere un compromesso interiore, ovvero riuscire a convertire lo stato energetico da negativo a positivo tramite azioni altruistiche, combattendo e rinunciando al proprio Ego a favore della comprensione e nel sapersi dedicare alla felicità degli altri, in questo modo nasce interiormente una “forza interiore” che dà modo, giorno dopo giorno, di riuscire a sorridere anche se dentro si stà piangendo, ed a circondarsi di un ambiente positivo (poichè noi creiamo la “Realtà” con le nostre azioni), un ambiente nel quale, si ha la speranza di trovare persone sensibili che riescano a comprendere la natura della dedizione nel donarsi in aiuto degli altri, percependo in senso profondo e con grande sensibilità, donando un grande appagamento che dà una forza ancora maggiore di donare se stessi e le proprie azioni in maniera pura ed altruistica senza nulla chiedere, se non la semplice comprensione fatta di sensibilità e calore umano nel gioire dando la possibilità agli altri di migliorarsi costantemente, ed è ciò che contraddistingue la nostra vera natura interiore spirituale.
        Grazie Matteo, le intuizioni e la sensibilità profonda di un individuo, generano azioni semplici e pure, che creano una realtà migliore, se tutti lo comprendessero, il Mondo sarebbe davvero un posto migliore per il genere umano 🙂
        Un abbraccio ed ancora grazie, credo fermamente in quello che fai, sei un ottimo Istruttore con una profondità e determinazione raramente riscontrabile normalmente nei classici Personal Trainer e di Istruttori ne ho conosciuti tanti; con il tuo operato stai creando attorno a te una realtà davvero migliore e chi ti segue “lo sente”, sia nella vita che negli allenamenti e nel percorso che stai designando, sempre in costante miglioramento per te e per tutti coloro che ti seguono, stai dando la possibilità di ottenere grandi risultati, sia in ambito sportivo che a livello personale e l’equilibrio corpo/mente determina l’armonia dell’esistenza; grazie di cuore per tutto quello che fai, grazie per essere come sei.

        Ricky

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.