Pubblicato il Lascia un commento

Modello fisiologico

Premessa: il modello fisiologico dovrebbe richiedere pagine di spiegazione per ogni sport, quello qua di sotto è una sorta di “bignamino” giusto per dare un idea al lettore medio di cosa si sta parlando.

Il modello fisiologico, detto anche modello prestativo, che cos’è? 

Il modello fisiologico non è nient’altro che la spiegazione per filo e per segno di tutte le richieste fisiologiche che sono richieste all’interno di uno sport.

In altre parole: si studia la prestazione e si analizza:

  1. Dapprima il punto di vista prettamente numerico: durata della prestazione, degli intervalli e dei recuperi (se previsti).
  2. Il tipo di gara: di squadra, individuale, open skill.
  3. Dopodiché si estrapolano quali sono stati gli sforzi effettuati dal giocatore (o dai giocatori, o dall’atleta a seconda dello sport).
  4. Quali sono i gesti motori più usati.
  5. Che tipo di tattiche sono state messe in atto.

Una volta ottenuti tutti questi dati, cosa ce ne facciamo? La risposta è : tantissima roba!

I numeri

Facciamo un esempio pratico, prendiamo il tennis:

Il tennis è uno sport open skill, individuale, di situazione, intermittente, di opposizione diretta.

activity business calculation chart

Quindi è uno sport situazionale, dove il risultato buono o cattivo è dettato dall’imprevedibilità dell’azione, sia mia sia del mio avversario, dove si alternano momenti di lavoro intenso e sforzi alternati da recupero, il quale può dipendere sia dall’avversario che dal regolamento (la maggior parte).

La fase di gioco mediamente può durare dai 4 agli 8 secondi, vi è un recupero di 20 secondi tra i punti, 90 secondi ogni due games e 120 secondi tra i set.

Gli sforzi richiesti sono sottomassimali ma di grande intensità, con grande alternanza di accelerazioni e decelerazioni, il numero di questi sforzi per una partita al meglio dei tre set possono variare dai 300 ai 500, di cui l’ottanta per cento a 2.5 m dalla posizione di partenza.

Per approfondire clicca qui

… e potremmo andare avanti così per pagine.

Questo per dare un idea di come la situazione sia affascinante e molto studiata.

Fisiologia

Dopo aver visto i numeri, bisogna capire a livello fisiologico cosa succede.

Infatti una volta che so quanto dura una gara, quanto ho di recupero, quanto dura lo sforzo e di che tipo è; devo capire :

che tipo di metabolismo viene utilizzato, in che modo e in che percentuale.

Perché un conto è fare uno sforzo di pochi secondi, intenso, contro una resistenza esterna molto bassa, recuperare e ripeterlo per poche prove (esempio salto in alto), un altro conto è fare uno sforzo di pochi secondi, contro una resistenza esterna molto bassa,recuperare e poi ripeterlo per 300-500 volte come nel tennis.

Piccola digressione

I sistemi energetici sono tre: aerobico, anaerobico lattacido e anaerobico alattacido, ma fatta eccezione per alcune discipline nella maggior parte degli sport vi è una mescolanza di questi sistemi. Son poche le discipline che utilizzano solo uno dei tre sistemi come motore principale

Fine digressione

In questo modo posso mettere per iscritto che tipo di sforzo è richiesto al mio atleta (o ai miei giocatori), dopodiché potrò scegliere la metodologia allenante più adatta per farlo migliorare.

Molto importante:  l’allenamento è diverso dalla prestazione!! Se devo eseguire un tipo di sforzo in gara non è detto che sia sufficiente ripetere lo stesso sforzo in allenamento, dovrò sicuramente variare intensità, durate e recuperi.

I gesti motori più utilizzati

Il modello fisiologico mi da informazioni anche riguardo i tipi di gesti che vengono utilizzati durante le gare, regolando e aggiustando l’allenamento tecnico di conseguenza.

active agility dancer dancing

Esempio pratico:

Guardando un incontro di pugilato mi accorgo che il mio atleta ha portato TOT pugni, di cui X saranno jab, Y diretti, Z ganci, K montanti. Il tutto diviso in destri e sinistri.

Da qui si può valutare il mondo intero! Regolando l’allenamento tecnico di conseguenza.

Posso vedere se porta tanti pugni ma pochi a segno, quindi meglio focalizzarsi sul migliorare la precisione piuttosto che aumentare il numero di pugni.

Oppure noto che vi è un notevole utilizzo del jab e uno scarso utilizzo del diretto, quindi il lavoro tecnico può prevedere l’aumento del punto forte (jab) oppure far crescere il punto debole (diretto) ecc…

La tattica

L’analisi del match prende in considerazione anche la tattica, quindi posso aggiustare la mia preparazione atletica e tecnica anche a seconda del tipo di tattica che intendo usare durante la gara.  Se pensiamo al calcio l’avere una squadra basata sul contropiede comporta notevoli differenze rispetto ad avere una squadra che basa il suo gioco sul possesso palla, di conseguenza bisognerà tenere in considerazione queste variabili.

Conclusione:

Come visto il modello fisiologico è qualcosa di affascinante, perché ti permette di CAPIRE cosa succede in campo e ti da l’opportunità di ridurre al minimo gli sbagli durante l’allenamento.

È il primo passo per poter organizzare un allenamento al meglio, sia dal punto di vista tecnico, fisico che tattico.

Spero che questo articolo vi sia piaciuto e ci vediamo al prossimo!

Matteo

Vuoi far parte della nostra community

La nostra community è in fase di crescita!! Se sei interessato a entrare a far parte del nostro gruppo, inserisci i tuoi dati nel modulo che troverai qui sotto.

Riceverai costantemente:

  • Tips e consigli sull’allenamento
  • Esperienze personali, da parte di professionisti del settore e degli utenti che si allenano
  • Motivazione Extra
  • Contenuti extra non a disposizione sulle pagine facebook e instagram

L’entrare a far parte del nostro gruppo è totalmente gratuita e senza nessun impegno.

    Trattamento dei dati


    FEEDBACK DI CHI SI È ALLENATO CON NOI

    • 5 star review  Persona seria e determinata che riesce a trasmettere la passione per lo sport stando attento alle esigenze personali. Se hai un obbiettivo reale Matteo ti aiuterà a raggiungerlo con sudore, fatica e simpatia.

      Claudia Griggio Avatar Claudia Griggio
      13 Giugno 2018
    • 5 star review  direi che Matteo è un professionista! riesce a trovare la giusta combinazione di allenamento per ogni esigenza... ti insegna a dare il massimo, ma sopratutto riesce ad individuare i punti più deboli e svilupparli, io sono seguito da lui da ormai un anno o poco più e vado alla grande! consiglio di dare un occhio al sito, molto utile e ben dettagliato.

      Giorgio Vaghi Avatar Giorgio Vaghi
      9 Maggio 2017
    • 5 star review  Allenamenti di altissimo livello tecnico e atletico... eccezionale...TOP+++!!

      Rokko Lavarra Avatar Rokko Lavarra
      9 Maggio 2017
    • 5 star review  Real professional, able to interact with adults as well with kids. Real expert in martial art. Understands the limits of the person in front of him and makes you understand how to overcome the ostacles and how to exceed your limits. He is Always striving for perfection and he is always pushing himself to try to pull out the best in himself as well as in everyone who trains with him. Excellent motivator. Really recommend!!!

      Michele Grasso Avatar Michele Grasso
      9 Maggio 2017
    • positive review  Matteo, grande professionista, preparato e soprattutto capace di motivarti e portarti a raggiungere obbiettivi mai raggiunti..Con lui non ti annoi mai!!!!

      Eleonora Carminati Avatar Eleonora Carminati
      17 Ottobre 2018
    • positive review  ho perso 4 kili in un mese

      Francesco Gaudioso Avatar Francesco Gaudioso
      21 Agosto 2018
    • 5 star review  Con il personal trainer Matteo mi sono trovato molto soddisfatto sia nel eseguire esercizi e tecniche di allenamento, consiglio a tutti quelli che vogliono impegnarsi seriamente.

      Gihan Waas Avatar Gihan Waas
      9 Maggio 2017
    • 5 star review  Conosco Matteo da 3 anni ed ogni anno ha sempre dato il meglio per motivarci ed allenarci. Si riconosce subito quando una persona ci mette l'anima in quello che fa, lui è una di quelle persone. Felice di essere un suo allievo.

      Andrea Guidali Avatar Andrea Guidali
      19 Maggio 2017
    • 5 star review  Serio, professionale, ma anche "artista"! Se sei stufo dei soliti allenamenti contattalo! E' in grado di adattare il workout ad ogni persona!!

      Federico Petitto Avatar Federico Petitto
      9 Maggio 2017
    • 5 star review  Matteo è capace di motivarti in ogni occasione, riesce a fari ragionare e a trasmetterti la mentalità giusta per affrontare l'allenamento, i suoi discorsi lasciano il segno. E' molto disponibile nello spiegare più di una volta le tecniche e i concetti, a chiarire dubbi e a rispondere alle domande. Per quanto riguarda l'allenamento, è veramente un professionista!

      Massimiliano Curti Avatar Massimiliano Curti
      10 Maggio 2017

     

     

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.