Pubblicato il 1 commento

I test

12269815_1044326855619785_1914823504_nQuesto articolo tratterà dell’importanza dei test durante il percorso di allenamento.

Prima di tutto, è importante fare dei test? Assolutamente si. e per tantissime ragioni. Quando si pianifica un allenamento bisogna sapere in che direzione andare, che obbiettivo raggiungere, e questo risulta impossibile, sia per un personal trainer o per una persona qualsiasi, se non si ha un punto di partenza.

Per prima cosa bisogna scegliere con oculatezza l’obbiettivo da dover raggiungere, facendo un opportuno esame di coscienza sui nostri punti forti e deboli. Dopodiché è fondamentale scriverci COME vorremmo essere e TRA QUANTO tempo. Notare bene che se fatta bene questa fase può richiedere anche settimane.

12331530_1654092608194027_1088144460_n

Una volta bene chiaro il nostro obbiettivo dobbiamo renderlo REALE, TANGIBILE, ed è qui che entra in gioco il test : n° di Kg sollevati di un dato esercizio, tempo di corsa, n° massimo di trazioni, piegamenti, squat e chi più ne ha più ne metta.

 

Una volta scelto il tipo di test è opportuno capire che un test NON è un allenamento. Bisogna esprimere il massimo del nostro potenziale, senza trattenerci e limitarci, ma senza neanche dare tutto prima della fine del test rimanendo senza benzina.

Per questo motivo chi si approccerà per la prima volta a fare un test capirà che fare i test è DIFFICILE.

Una cosa importante che i test ci danno è che aiutano a mantenere la concentrazione alta durante l’allenamento e ci impediscono di mollare. Se mi alleno sapendo DOVE devo arrivare e QUANDO so benissimo che non posso sgarrare più di un tot, altrimenti il risultato sarà svelato nel momento opportuno; fare un test è un po come fare degli esami.

 

Divertimento: avere dei parametri di riferimento rende l’allenamento più divertente, se so che ci metto 10 minuti nel percorrere un determinato percorso, mentre mi alleno riesco a capire (prendendo dei punti di riferimento) se quel giorno sono più o meno in forma, e se l’allenamento sta dando i risultati sperati.

11325002_1713400918888072_443568574_n

Progressione negli anni: una volta fatto un test questo rimane scritto nella memoria, quindi fra un anno, quando ricomincerò il mio piano di allenamento annuale, saprò che in un determinato periodo devo fare un tipo di test, e dovrò andare a visualizzare se sono migliorato o no.

Importantissimo: ci sono periodi dell’anno per ogni tipo di test, è IMPOSSIBILE MIGLIORARE SEMPRE!! Quindi facciamocene una ragione e alleniamoci con coscienza.

Se il periodo di correre 10 km è a gennaio, mentre quello di correre ripetute da 1 km è a Giugno, non potrò sicuramente e non dovrò cercare di battere i miei record nel tempo non previsto. A gennaio non sarò allenato sul km tanto quanto non sarò allenato sui 10 a Giugno. Quindi nell’anno ci saranno alti e bassi dello stesso record, ma la differenza la fa l’anno, io l’anno dopo, nello stesso periodo, DEVO essere più allenato, altrimenti ho sbagliato qualcosa!

Quindi che ti alleni da solo sugli scalini del tempio voltiano a Como o che sei un personal trainer o un preparatore atletico di qualsiasi squadra/persona, mi raccomando, TESTA e TESTATI!

Se vuoi avere altre nozioni riguardanti i test, ti invito a guardare il video qui sotto!

Buon allenamento!

 

Matteo

1 pensiero su “I test

  1. […] I test. Ogni tanto fate dei test, vi scaldate bene poi provate a fare dei personali. Sul km, sull’ora, sui 5 km, su quello che volete, in questo modo la motivazione rimane sempre alta. Se volete sapere qualcosa di più sui test cliccate QUI. […]

Rispondi a Correre - KINESIOHACK - La corsa in tempo di coronavirus Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.